Blog

Business Intelligence: cos’è, strumenti ed esempi

Business Intelligence: cos’è, strumenti ed esempi
PUBBLICATO

28 Nov 2021

categorie

Data Management

tag

Data Analysis

Spesso si tende a fare confusione quando si parla di Business Intelligence. Il motivo alla base di tutto ciò è che con questo termine non ci si riferisce a una soluzione specifica o a un tool in particolare, bensì a una combinazione di analisi e strumenti che coprono in maniera trasversale il ciclo di elaborazione e valorizzazione del dato.

In questo articolo, proveremo a fare ordine e a delineare i punti salienti del mondo BI, partendo dalla sua definizione e dalle sue caratteristiche principali.

Scopriremo insieme cos’è concretamente la Business Intelligence, quali sono gli strumenti per implementarla e alcuni esempi di applicazioni nei contesti aziendali in grado di generare valore per le imprese.

Cos’è la Business Intelligence: definizione

Con il termine Business Intelligence si è soliti definire la combinazione di business analytics, data mining, data visualization, nonché i tool per la gestione dei dati e le best practice per consentire alle imprese di prendere decisioni sulla base di essi. Pertanto, la Business Intelligence consente di avere una visione chiara, completa e univoca dei dati, al fine di monitorare eventuali cambiamenti nelle dinamiche interne (nel flusso dei processi, così come nelle diverse business units) ed esterne (nel proprio mercato di riferimento) a un’azienda.

In questo modo, è possibile eliminare le inefficienze, anticipare e rispondere ai cambiamenti (anche quelli più radicali) e cogliere le opportunità prima e meglio dei propri competitor. Si tratta di una definizione moderna di Business Intelligence che si focalizza sulla funzione ricoperta e sui vantaggi che può portare a un’organizzazione, piuttosto che su specifici strumenti e/o analisi.

Infatti, negli anni ’60, il termine BI era utilizzato per indicare, genericamente, un sistema (interno alle organizzazioni) di condivisione delle informazioni. A partire dagli anni ’80, il settore della Business Intelligence si è sviluppato parallelamente ai sistemi informatici a supporto dei processi aziendali, contribuendo in maniera decisiva alla progressiva trasformazione dei dati in informazioni. Oggi, il termine BI comprende tutti i processi e i metodi per raccogliere, memorizzare e analizzare i dati (interni ed esterni), al fine di fornire una visione completa dell’andamento dell’azienda e supportare i manager nelle loro decisioni.

Perché è importante

Gli strumenti di Business Intelligence consentono di raccogliere e sintetizzare i dati aziendali in modo tale da restituire in modo semplice e immediato una fotografia dell’andamento dei processi interni ed esterni a un’azienda.

La BI non si limita, però, a una visualizzazione dei KPI statica e limitata al presente. Al contrario, da un lato, consente di ricostruire l’andamento nel tempo degli indicatori di interesse, individuando eventuali pattern latenti (quali trend e cicli) ed effettuando confronti (ad esempio, tra periodi o tra aree di interesse).

Dall’altro, è direttamente e facilmente integrabile con l’implementazione di modelli predittivi (dall’analisi delle serie storiche agli algoritmi di Machine Learning), fornendo così stime e previsioni accurate di questi KPI.

Ad esempio, tramite la BI è possibile monitorare i ricavi e i costi aziendali, ricostruendone l’andamento temporale e fornendo proiezioni degli stessi. A sua volta, questo permette una pianificazione più attenta e più informata dei processi aziendali e del fabbisogno di risorse. Di conseguenza, l’informazione (passata, presente e futura) fornita dagli indicatori di interesse è in grado di supportare, in modo concreto, il management nelle decisioni operative e strategiche.

Come funziona la Business Intelligence

Da un punto di vista procedurale, l’implementazione di soluzioni di Business Intelligence include i seguenti processi:

  • Ingestion e preparazione dei dati, per integrare molteplici fonti di dati;
  • Esecuzione di query, per interrogare i dati ed estrarre le informazioni di interesse;
  • Analisi descrittiva e statistica, mediante metriche e KPI;
  • Data visualization e analisi visiva, mediante mappe e grafici interattivi;
  • Data mining, per individuare trend e pattern sottostanti i dati (anche attraverso Artificial Intelligence e Machine Learning);
  • Reportistica, per condividere le analisi con i soggetti decisori e renderle fruibili.

Non tutte le soluzioni di BI includono tassativamente tutte le fasi sopra riportate. A seconda della complessità del progetto e delle specifiche esigenze del cliente, si può concentrare l’attenzione su un aspetto della Business Intelligence, piuttosto che su un altro. In ogni caso, quello che non cambia nella logica dietro le soluzioni di BI è l’obiettivo finale: raccogliere, elaborare e sintetizzare i dati in un unico strumento facilmente navigabile e interpretabile, al fine di guidare e supportare le scelte dei manager.

Gli strumenti della Business Intelligence

Sul mercato esistono diversi tool per progettare e implementare soluzioni di Business Intelligence, come Tableau, Power BI e Qlik Sense. Questi strumenti consentono di gestire in modo flessibile ed efficace tutti i processi di BI, dall’ingestion e preparazione del dato fino alla visualizzazione dello stesso e alla produzione della reportistica. La scelta di uno strumento piuttosto di un altro dipende dalle esigenze del cliente e dalla complessità tecnica del progetto: prodotti con un elevato livello di customizzazione ed interattività richiedono, ovviamente, tool più avanzati e sofisticati. In ogni caso, in fase di progettazione, la scelta dello specifico strumento è un aspetto relativamente secondario. In un primo momento, infatti, è fondamentale definire gli obiettivi e il flusso dei processi; la scelta del tool avverrà solo in un secondo momento, sulla base di tutte le informazioni raccolte. Per questa ragione è bene affidarsi a realtà di comprovata esperienza e competenza, in grado realizzare progetti di Business Intelligence realmente efficaci.

Applicazioni ed esempi di Business Intelligence

INTWIG sviluppa progetti di Business Intelligence principalmente mediante due soluzioni: il Data Hub e la Competitive Intelligence.

Ad esempio, una società operante nel settore finance e crowdinvesting, attuale cliente di INTWIG, aveva espresso la necessità di disporre di uno strumento interattivo e costantemente aggiornato in grado di fornire informazioni chiave sui propri investitori e sui progetti in corso d’opera. Attraverso la costruzione di un Data Hub customizzato, è stato possibile sintetizzare e convogliare tutti gli indicatori chiave per definire le scelte da intraprendere e realizzare gli obiettivi di business. Grazie a questa soluzione, il cliente è in grado di monitorare in tempo reale i propri KPI di riferimento e di studiarne l’andamento nel tempo.

Tutte queste informazioni, a loro volta, forniscono il supporto necessario per pianificare in modo analitico e strutturato le scelte strategiche.

Possibili scenari futuri sulla business intelligence

Nelle decenni passati, le soluzioni di Business Intelligence si sono sviluppate di pari passo con l’introduzione nei contesti aziendali di sistemi informatici sempre più avanzati e complessi. Di conseguenza, è ragionevole aspettarsi che la BI continui ad evolversi sulla base degli stimoli provenienti dalle aziende (le quali esprimono bisogni sempre più articolati) e del progresso tecnologico (a livello sia di hardware che di software).

Nel contesto attuale, al fine di una gestione efficace ed efficiente di moli di dati crescenti, il mondo della Business Intelligence si sta progressivamente (e rapidamente) integrando sempre più con quello dell’Artificial Intelligence e del Machine Learning. I modelli predittivi e prescrittivi, infatti, consentiranno di estendere le funzionalità e i risultati delle attuali soluzioni di Business Intelligence.

Conclusioni

In questo articolo abbiamo avuto modo di presentare la Business Intelligence, definendola da un punto di vista concettuale e presentandone le principali caratteristiche e funzioni. Come già sottolineato, i vantaggi associati all’implementazione di soluzioni di BI sono evidenti e ben documentati da una serie di esempi interessanti. Avere a disposizione in unico strumento tutti i principali di indicatori di perfomance aziendali consente di prendere decisione più informate e più tempestive. A sua volta, questo permette di anticipare eventuali cambiamenti nel proprio scenario di riferimento e/o di cogliere opportunità altrimenti non valorizzate.

Grazie alla sua esperienza nell’implementazione di soluzioni di questo tipo e al suo metodo innovativo, INTWIG è in grado di guidare e supportare le aziende nella realizzazione di progetti di Business Intelligence, generando concretamente valore dai dati.

SCRIVICI

Contattaci per avviare subito il processo di trasformazione